Articles in Category: Viaggio nell'Anima

Un uomo che coltiva il suo giardino, come voleva Voltaire.
Chi è contento che sulla terra esista la musica.
Chi scopre con piacere una etimologia.
Due impiegati che in un caffè del Sur giocano in silenzio agli scacchi.
Il ceramista che intuisce un colore e una forma.
Il tipografo che compone bene questa pagina che forse non gli piace.
Una donna e un uomo che leggono le terzine finali di un certo canto.
Chi accarezza un animale addormentato.
Chi giustifica o vuole giustificare un male che gli hanno fatto.
Chi è contento che sulla terra ci sia Stevenson.
Chi preferisce che abbiano ragione gli altri.
Tali persone, che si ignorano, stanno salvando il mondo.

Jorge Luis Borges, “I Giusti”

La resilienza

on Giovedì, 18 Ottobre 2012. Posted in Viaggio nell'Anima

La capacità che un materiale ha di resistere a forze impulsive, ossia a urti improvvisi, senza spezzarsi. Ma non solo. Anche quella di conservare la propria forma struttura o riacquistare la forma originaria dopo essere stato sottoposto a schiacciamento o deformazione. Questo è, nella fisica ingegneristica, la resilienza.

In ambito psicologico la resilienza trova una declinazione che, nella sua semplicità e perentorietà, parla da sola.
La resilienza, per la psicologia, è la capacità che alcuni uomini possiedono di affrontare le avversità, superarle e, addirittura, uscirne rinforzati e trasformati in senso positivo.

Insomma, la capacità di ricostruire e trasformare se stessi, dopo gli eventi più traumatici, negativi e annientanti, senza perdere la propria sensibilità e la propria umanità. Anzi, acuendo tali caratteristiche nell’ottica di un’ulteriore, “sensazionale” evoluzione. Fino a raggiungere mete realisticamente poco probabili. Come se le avversità, anziché distruggere, rafforzassero.

fiori asfalto

La bontà insensata

on Mercoledì, 03 Ottobre 2012. Posted in Viaggio nell'Anima

Quando tutto sembra gridare che altro non vi può essere che il male, quando il mondo pare crollare sotto l’ingiustizia… Nel buio più totale… là, si accende una piccola luce.

Una luce che, pian piano, avanza nella tenebra.

Una luce che si fa sempre più spazio e, minacciando il buio con il suo lento e inesorabile avanzare, alla fine vince sulla tenebra.

È la bontà insensata, sapientemente ritratta nell'ultimo volume di Gabriele Nissim (La bontà insensata. Il segreto degli uomini giusti, edit. Mondadori).

faro